Linee di alcolismo su una faccia

Mai più sole. Donne e Alcol.

Quello che è il periodo abstinency ad alcolismo

Nella giusta misura è l'anima della festa. Ma basta superare una linea sottile e piuttosto fluida affinché l'alcol riveli la sua natura intossicante.

Gli effetti della classica "sbronza" su organismo e comportamento sono ben riconoscibili. Ma come agisce l'alcol sul cervello? Perché continuiamo a consumarlo, anche se fa male? Come mai prima sembra linee di alcolismo su una faccia, e in un secondo momento butta giù? Smemorati e sedati. A livello neurologico, l'alcol interviene sull'attività di diversi neutrotrasmettitori, i "messaggeri" che veicolano informazioni tra neuroni: in particolare inibisce l'attività del glutammato, il principale neurotrasmettitore eccitatorio del cervello, e potenzia quella dell'acido gamma-amminobutirrico GABAil principale neurotrasmettitore inibitorio.

La prima azione ha effetti visibili - in negativo linee di alcolismo su una faccia sulle capacità di risoluzione dei problemi e sulla memoria; la seconda, sortisce su chi ha bevuto un effetto ansiolitico e sedativo simile a quello di alcuni psicofarmaci ecco perché chi ne fa uso dovrebbe evitare di bere.

Volume giù. Alcuni dei più evidenti effetti "soppressivi" dell'alcol colpiscono l'attività della corteccia prefrontale e linee di alcolismo su una faccia lobi temporali: la prima è responsabile del pensiero razionale, della capacità di programmare, sopprimere la rabbia, fare valutazioni oggettive: tutti compiti che appaiono via via più difficili, dopo la terza "media" della serata.

I lobi linee di alcolismo su una faccia giocano un ruolo cruciale nella memoria: ecco perché tendiamo a dimenticare le cose e a diventare linee di alcolismo su una faccia, quando siamo ubriachi. Volume su. Ma l'effetto depressivo non riguarda tutte le aree del cervello. L'alcol aumenta l'attività dei neuroni della dopamina nel circuito mesolimbico della ricompensa, e allo stesso tempo incoraggia il rilascio di endorfine.

Ecco perché dopo un bicchiere o due, la serata decolla, tra sentimenti di gioia, euforia e condivisione. Bere attenua anche l'attività delle aree cerebrali responsabili di inibizione e stress, e crea un generale senso di rilassamento. Doppia faccia. Ma a un certo punto dei brindisi, capita spesso che l'atmosfera si spenga, e che l'entusiasmo iniziale muti in tristezza.

Questo avviene perché l'alcol ha un andamento bifasico: i suoi effetti, cioè, appaiono diversi e contrastanti a seconda del livello di intossicazione. Per me basta, grazie. Dopo quella soglia, sono gli effetti negativi a prevalere. Sulle decisioni di ciascuno ha un forte ruolo anche la pressione sociale. Decidere di fermarsi in un contesto in cui tutti gli altri continuano a bere è, anche inconsapevolmente, molto difficile.

Facebook Twitter YouTube Pinterest. Focus Junior Nostrofiglio. Halloween: fantasmi galattici. Hubble, la costante ballerina. Dinosauri: la colpa è dell'asteoride. La talpa di Marte è di nuovo fuori gioco. Quale fu il primo colore dell'Universo? Prime editing: si affilano le forbici molecolari. Visioni dalla Stazione spaziale. I Neanderthal usavano la colla. La scienza dell'alcol e dei suoi effetti Perché prima tira su, e poi deprime? Come mai lo troviamo piacevole, anche se ci "intossica"?

Dopo quali quantità si linee di alcolismo su una faccia il punto di non ritorno, e si inizia a star male? Curiosità scientifiche da raccontare agli amici su una sostanza largamente consumata durante le feste.

Tutti riconosciamo i sintomi di una sbronza. Eppure, gli effetti dell'alcol sul cervello sono complessi e spesso soggettivi. La scienza della sbronza e di come farsela passare. Drink al microscopio. Alcol, lo metabolizziamo da 10 milioni di anni. Contro l'alcol, minuti di sport alla settimana. La chimica del dopo sbronza. L'incredibile naso della zanzara e altre foto al microscopio. Dieci sostanze "killer" presenti nelle sigarette. Una morte su 20 per abuso di alcol. Marijuana sintetica: che cos'è e perché fa paura.

Alcol e demenze: né troppo, né troppo poco. Le nuove frontiere della medicina psichedelica. Più letti di Scienza.