Prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza

Dott. Mozzi: Fumo di sigaretta, cibi affumicati, tumore al polmone, problemi respiratori

Trattamento di pinery di risposte di alcolismo

To browse Academia. Skip to main content. You're using an out-of-date version of Internet Explorer. Log In Sign Prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza. Cessazione del fumo di tabacco. Linee Guida clinico - organizzative per la Regione Piemonte. Federica Mathis. Fabrizio Faggiano. Antonio e Biagio e C. Otorinolaringoiatria Ospedale S. Tali differenze, da sole in grado di spiegare la metà delle disuguaglianze sociali nella salute riscontrate nelle società europee [Jarvis ], sono originate sia da una maggiore propensione a iniziare a fumare delle categorie socialmente più svantaggiate, sia da una loro minore propensione a smettere.

In Piemonte il tabacco causa direttamente circa Il tabacco è la principale singola causa di malattia e di morte ed è responsabile di Il fumo rimane la principale causa prevenibile di morbosità e mortalità nel nostro Paese, come in tutto il mondo occidentale [WHO ]. Alcuni recenti studi italiani [Russo prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza, Sgambato ] hanno quantificato i costi economici del fumo di tabacco, seppure limitatamente ai costi dei ricoveri per patologie correlate e alle ore di lavoro perse.

Queste stime non considerano il costo derivante dal precoce pensionamento o dalla morte prematura; sulla base di analoghe ricerche americane i costi sociali dovuti alla perdita prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza produttività sono stimabili a circa il doppio rispetto ai costi sanitari. In base a queste stime i costi totali del fumo di tabacco ammonterebbero annualmente quindi prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza circa 15 miliardi di euro, di gran lunga superiori ai circa 10 miliardi di euro ricavati dalla vendita di tabacco in Italia [Garattini ].

Questo aspetto della dipendenza viene oggi considerato minore, sia perché sostanze altamente additive presentano sovente pochi sintomi di astinenza, quali la cocaina, le metamfetamine o il tabacco stesso, sia perché oggi esistono farmaci in grado di controllare efficacemente queste crisi [Leshner ].

A causa delle sue basi biologiche, la dipendenza è quindi un disordine cronico e recidivante. Da queste osservazioni deriva la considerazione che la Linea Guida sia uno strumento necessario per orientare i servizi e i professionisti verso pratiche efficaci, da qui il progetto di elaborazione di una Linea Guida clinico-organizzativa sul tabagismo.

Non vengono invece trattati gli interventi di prevenzione primaria del tabagismo, mirati alla popolazione dei non fumatori. Questa Linea Guida è indirizzata a tutti gli operatori, sanitari e non, coinvolti nel processo di cessazione, in particolare quelli operanti nella medicina generale e nei Centri per il Trattamento del Tabagismo. Strategie e organizzazione: a partire dalle prove scientifiche di efficacia, definisce il modo con cui prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza essere organizzati gli interventi per la promozione della cessazione.

Interventi: prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza descritte in modo sistematico le tappe e gli interventi efficaci nel percorso di disassuefazione del fumatore, sia quelli farmacologici che quelli non farmacologici.

Alcuni di questi saranno raccomandati in livelli organizzativi diversi 4. In questo settore prevale il punto di vista delle comunità rispetto a quello dei singoli individui e la ricerca scientifica deve adattarsi alla frequente impossibilità di condurre esperimenti in senso stretto.

Gli studi randomizzati e controllati sono di norma poco fattibili e accettabili in un ambito di popolazione e gli utilizzatori dei risultati della ricerca in questo campo devono tener conto di questi elementi. Inoltre, è necessario contestualizzare le evidenze scientifiche al fine di renderle realmente applicabili [Kemm ].

La ricerca di ulteriori prove di efficacia, specialmente revisioni sistematiche, ma in qualche caso studi primari, è stata limitata a quegli ambiti di conoscenza per i quali le Linee Guida esistenti non fornivano elementi utili oppure che richiedevano un aggiornamento. Per reperire le Linee Guida pubblicate a livello internazionale è stato consultato il sito internet di Linee Guida della National Guideline Clearinghouse www.

La ricerca sul sito www. La ricerca è stata replicata sulla banca dati di Medline, dal al giugno chiave di ricerca smoking cessation guideline con 21 risultati finali, in parte sovrapposti a quelli già individuati.

A prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza bibliografica già terminata, è stata pubblicata una nuova Linea Guida sul trattamento dei soggetti con patologia da abuso di sostanze che prende in considerazione anche la dipendenza da nicotina LG Guidelines LG2 for Smoking Cessation.

Revised MayWellington, New Zealand. Osservatorio Fumo, Alcol e Droga. Istituto Superiore di Sanità, Smoking cessation guidelines for health professionals: an update. Thorax LG5 ; Smoking Cessation Guidelines for Health Professionals - A guide to LG6 effective smoking cessation interventions for the health care system.

Thorax ; Guidance for Commissioners on the Cost. Treating Tobacco Use and Dependence. Clinical Practice LG9 Guideline. Rockville, MD: U. Department of Health and Human Services. Public Health Service. June NICE public health intervention guidance — Brief interventions and referral for smoking cessation in LG10 primary care and other settings.

March Technology Appraisal Guidance — No. American College Of Preventive Medicine. Tobacco cessation and patients counselling. American Psychiatric Association. Practice guideline for the treatment of patients with nicotine LG13 dependence. Am J Psych ; 10 : s1-s Conference de consensus Salpetrière Smoking prevention and cessation. Montreal, Quebec. Institute For Clinical System Improvement. Tobacco use prevention prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza cessation for adults and LG16 mature adolescents.

Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri. Raccomandazioni per la attivazione e la gestione di un LG17 ambulatorio per il trattamento della dipendenza da fumo di tabacco in ambito pneumologico. Practice guideline for the treatment of patients with substance use LG18 disorders. August Per la ricerca degli studi primari, le banche dati consultate sono state Medline, Embase, Cinahl, Econlit, Psycinfo. Non sono stati posti limiti temporali alla ricerca e si è data priorità ai termini MeSH ogni qualvolta possibile.

Gli articoli inclusi nella Linea Guida sono stati valutati in quanto a validità interna; la loro validità esterna ed applicabilità al contesto piemontese sono state approfondite e valutate mediante consenso di esperti.

Le prove di efficacia degli interventi di popolazione sono più difficilmente ottenibili tramite le strategie più accreditate di ricerca, quali quelle sviluppate dalla Cochrane Collaboration [Cochrane Collaboration ].

Le evidenze scientifiche raccolte nella prima fase di elaborazione sono state sottoposte a questo gruppo, che ne ha valutato la reale applicabilità nel contesto sociale ed organizzativo della nostra regione. Successivi passaggi di integrazione fra evidenze scientifiche disponibili e consenso di esperti hanno portato ad approfondimenti incrementali.

Il punteggio di rilevanza media è stato calcolato al fine di contribuire in modo trasparente alla forza delle raccomandazioni.

Si è allora deciso di non utilizzare la rilevanza per modificare la forza della raccomandazione, ma di rimandare al lettore la decisione finale sulla base della presentazione di tutti e tre gli elementi di giudizio. Un esempio di interventi non randomizzabili sono le campagne di mass media, le politiche di aumento del prezzo delle sigarette ecc.

Indica C cliniche di esperti del settore. A seconda della loro estensione e importanza, le revisioni potranno richiedere una ristampa del documento intero oppure solo la produzione di una versione emendata messa a disposizione in rete, I seguenti siti internet metteranno sempre a disposizione le versioni più aggiornate del documento: www. La decisione sulla necessità di una revisione è di competenza della Commissione Regionale Anti-Tabacco del Piemonte. Il documento sarà comunque sottoposto a revisione nela 5 anni dalla sua pubblicazione.

É possibile che nella propria vita lavorativa, alcune delle persone coinvolte abbiano ricevuto finanziamenti in qualche modo associabili al trattamento del tabagismo, tuttavia, tutti coloro che hanno collaborato alla stesura del documento sono stati individuati dalla Commissione Regionale Anti-Tabacco e dalla Consulta Piemonte Libero dal Fumo, sulla base della loro competenza ed esperienza, fiduciosi della loro integrità.

La presente Linea Guida non ha ricevuto finanziamenti esterni alla Regione Piemonte. Il Gruppo di Cure Primarie di cui si parla nella Proposta di Piano Socio Sanitario Regionale potrebbe costituire in futuro tale forma strutturale ad integrazione multiprofessionale. Il campione è costituito da 32 medici appartenenti a diverse aree territoriali, sia ad alta sia a bassa densità abitativa. I risultati preliminari possono essere sintetizzati come segue. In generale ritengono utile una formazione integrata con gli operatori dei Centri per il Trattamento del Tabagismo.

Gli ex fumatori hanno smesso principalmente in seguito ad una malattia. Lo status di fumatore o di ex fumatore viene identificato come un ostacolo ad una efficace attività di counselling.

Solo alcune regioni si sono dotate di strumenti normativi che riconoscono l'esistenza di questi centri e la valorizzazione, anche economica, delle prestazioni erogate [Osservatorio Alcol, fumo e droga ]. Al 31 dicembre il numero di Centri per il Trattamento del Tabagismo in Piemonte risulta quasi raddoppiato rispetto a quello rilevato nel sono attivi 30 Centri per il Trattamento del Tabagismo.

Interna 1 7,7 1 4,0 - Area Educaz. La maggior parte dei soggetti si sono rivolti ai Centri per il Trattamento del Tabagismo presenti presso i SerT o presso strutture di otorinolaringoiatria.

Tabella 7 Tipologia di intervento dei CTT piemontesi nel Tipologia di intervento Interventi effettuati nel Terapia farmacologica 17,9 Counselling individuale 21,3 Terapia di gruppo 48,2 Agopuntura 12,6 Totale La terapia di gruppo è stata la tipologia di intervento più utilizzata, rappresentando quasi la metà dei trattamenti effettuati nel Nel leggere i dati della Tabella 7 si deve tener presente che in alcuni casi il trattamento farmacologico è stato associato prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza counselling oppure alla terapia di gruppo.

Questo spiega perché il numero di trattamenti sia superiore al numero di utenti Ai soggetti che si sono rivolti ai Centri per il Trattamento del Tabagismo devono poi essere aggiunti almeno fumatori che nel sono stati in carico presso i Servizi Tossicodipendenze SerT per tabacco come sostanza di abuso primario.

Ma prima di entrare nello specifico, è utile esplicitare la sequenza temporale che caratterizza il processo di cessazione dal fumo. Figura 1 Processi di cessazione Gli interventi di popolazione e le misure di dipendenti da interventi di misure di politica pubblica policy tabacco popolazione contribuiscono a promuovere la motivazione a cessare e la presa di risorse Medico di decisione.

Il trattamento del popolazione Famiglia tabagismo è affidato, nel nostro prevenzione Servizio Sanitario Regionale SSRricadute Centro al Medico di Famiglia e al Centro per altre risorse Trattamento Tabagismo il Trattamento del Tabagismo i cui rilevanti aspetti di integrazione saranno oggetto di approfondimento.

Per interventi di popolazione o di comunità per la cessazione si intendono quei programmi coordinati, sovente multidimensionali, mirati a cambiare i comportamenti dei fumatori di una determinata area geografica o popolazione [Secker-Walker ] o di gruppi o categorie di popolazione.

In Italia la prevalenza di fumatori è più elevata nelle categorie sociali più svantaggiate, particolarmente fra gli uomini [Vigna-Taglianti ]; a partire dal la prevalenza prevenzione di formazione di fumo di tabacco di alcolismo di tossicodipendenza fumatori a livello della popolazione si è drasticamente ridotta, ma le differenze sociali relative sono notevolmente aumentate in quanto le categorie socialmente svantaggiate hanno fruito in minore misura degli interventi preventivi [Faggiano ].