Smetterà di bere uno di questi giorni la canzone

LA RAGAZZA CON IL CUORE DI LATTA - IRAMA OFFICIAL VIDEO

La codificazione da alcool in indirizzi di Kaluga e i prezzi

Quanto tempo e ancora. Ora tanti amici che sono anche i tuoi guardali bene, non cambieranno mai. Gesù, caro fratello Gira che ti rigira Un nuovo giorno o un giorno nuovo I vecchi Mal d'universo Strada facendo Ninna nanna ninna nanna Titoli di coda Un mondo a forma di te. Il Dio di Gesù Cristo in realtà è proprio dove nessuno osa cercarlo. Il romanesco rende in modo smetterà di bere uno di questi giorni la canzone l'aspra reazione del popolo Quasi che fusse inverno Sisto fa foco e fiamme tutt'intorno quasi che fusse gia' venuto inverno dice che ce prepara al callo dell'inferno Sisto Sisto mio Sisto Sisto mio dice che ce prepara al callo dell'inferno Fijo meno giudizzio e piu' fede comanna er Santo Uffizio e tie' 'sta maledetta lingua a posto si tu non voi fini' coma 'n capretto arrosto Dacce un papa mijore m'ariccomanno a te nostro Signore un quarchiduno che 'gne piace er foco uno che se ami preghi tanto e campi poco Quella sua maglietta fina tanto stretta al punto che mi immaginavo tutto smetterà di bere uno di questi giorni la canzone quell' aria da bambina che non glielo detto mai ma io ci andavo matto.

E chiare sere d'estate il mare i giochi e le fate e la paura e la voglia di essere nudi un bacio a labbra salate il fuoco quattro risate e far l' amore giu' al faro E lei lei mi guardava con sospetto poi mi sorrideva e mi teneva stretto stretto ed io io non ho mai capito niente visto che oramai non me lo levo dalla mente che lei lei era un piccolo grande amore solo un piccolo grande amore niente piu' di questo niente piu'!

Mi manca da morire quel suo piccolo grande amore adesso che saprei cosa dire adesso che saprei cosa fare adesso che voglio un piccolo grande amore. Quella camminata strana pure in mezzo a chissacche' l'avrei riconosciuta mi diceva "sei una frana" ma io questa cosa qui mica l' ho mai creduta e lunghe corse affannate incontro a stelle cadute e mani sempre piu' ansiose di cose proibite e le canzoni stonate urlate al cielo lassu' "chi arriva prima a quel muro E lei tutto ad un tratto non parlava ma le si leggeva chiaro in faccia che soffriva ed io io non lo so quant'e' che ha pianto solamente adesso me ne sto rendendo conto che lei lei era un piccolo grande amore solo un piccolo grande amore niente piu' di questo niente piu' mi manca da morire quel suo piccolo grande amore adesso che saprei cosa dire adesso che che saprei cosa fare adesso che voglio un piccolo grande amore Gesù è citato, ma non c'entra.

Qui c'è ogni giorno una partenza ma non aspetto più un arrivo e intanto vivo un'esistenza senza data di scadenza su. Quanto tempo ho per la mia buonuscita prima o poi da questa vita o manca ancora un po' in fila coi vassoi davanti ai pisciatoi c'è da aspettare o no per quando tocca a noi. Che siamo comici che piangono pubblici che non ridono che siamo angeli che imprecano e dèmoni che pregano. Quanto tempo ho per vivere di questa malattia di vivere e morire io non so prima che tutto sia e vivo l'agonia di quanto tempo ho.

Forse un confuso esame di coscienza. Era uno specchio o un'eco od un riflesso di un'assenza io sono un vecchio ed uno spreco io con gli occhiali io senza. Tra opere e omissioni io sono il giocatore che vita ho fatto mai che punta ancora un altro inganno con tutte le attenzioni sul panno usato del dolore che non ho avuto mai per vincere il suo danno che non ho dato mai Questo mare sale dentro me mentre io preparo il té ma io chi sono stato samaritano o pigliatutto in questo ballo mascherato dove il costume è tutto.

Tra opere e omissioni sono un sopravvissuto di questa vita ormai fra storie naufraghe e gingilli con tutte le occasioni un cuore muto di velluto che non ho colto mai per appuntare spilli che non ho tolto mai Questo mare sale dentro me mentre io preparo il tè che non ho preso mai.

Tra i cattivi o tra i buoni smetterà di bere uno di questi giorni la canzone biglietto bisogna estrarre chiuso in bussolotti di milioni di opere e omissioni le mie chitarre prigioni con le corde che smetterà di bere uno di questi giorni la canzone sbarre e le pene sono le canzoni che da solo suoni e per chi. Questo mare sale dentro me mentre io preparo il tè che non ho offerto mai.

Questo tempo danza dentro me dentro questa stanza che che no ho aperto mai. Eppure c'è anche un soffio di preghiera. Quanto e' tardi e qui a casa mia smetterà di bere uno di questi giorni la canzone non chiama piu' e' un Natale da buttare via lei viene piu'. Guardo il telefono e penso a lei vetri appannati son gli occhi miei quante neve sta venendo giu' chi la fermera' La candela e' ancora accesa presto si consumera' Dio tu stai nascendo e muoio io tu che faresti al posto mio ora che perdo pure lei ho dato un calcio ai sogni miei.

Dio ma che Natale e' questo mio campane a festa anche per me se tu mi senti ma perche' non fai tornare chi non c'e' più? Quanta neve sta venendo giu' piangera' con me Quella del Vangelo è ben altro! Libertà risali a ieri ma ricordo a malapena ch'eri tutti i miei pensieri il mio pranzo e la mia cena liberta' mia sola amica quando avevo tutto e niente e credevo che la gente fosse tutta amica amia pomeriggio al cine oriente e la notte da Maria. Mia libertà mi sento proprio un traditor che brutto guaio che è l'amore, mia libertà.

Libertà da una signora che ha passato la trentina da un amore che si impara dentro i baci perugina liberta' dalle ragazze che mi sono corse dietro una pizza dal "sor Pietro" una corsa a Porta Pia libertà tra noi c'è un vetro e la colpa è solo mia.

Mia libertà le prime corna per amore io te le ho messe a malincuore, mia libertà. Libertà dalle cambiali dai saponi delle attrici dagli annunci sui giornali pieni di massaggiatrici libertà dal libro Cuore dai discorsi preparati dai romanzi sceneggiati che si vedono in tivvù libertà dei giorni andati io non ti ritrovo più.

Mia libertà chissà se è stato un grosso errore buttarmi a pesce nell'amore, mia libertà Da quella volta che scappai da casa mia mia libertà mia libertà quella ragazza che non ho fermato mai mia libertà mia libertà la prima sigaretta in bocca Io ti prendo come mia sposa davanti a Dio e ai verdi prati ai mattini colmi di nebbia ai marciapiedi addormentati alle fresche sere d'estate a un grande fuoco sempre acceso alle foglie gialle d'autunno al vento che non ha riposo alla luna bianca signora al mare quieto della sera.

Io ti prendo come mia sposa davanti ai campi di mimose agli abiti bianchi di neve ai tetti delle vecchie case ad un cielo chiaro e sereno al sole strano dei tramonti io ti prendo come mia sposa davanti a Dio. Chi c'è in ascolto Claudio Baglioni Una nuova creazione? Il mondo delle tre w? E chi ne sarebbe il creatore? Accendi questa notte di cristalli liquidi il cielo è un crocevia di mille brividi di satelliti che tracciano segnali nitidi che seguono la via di mondi ripidi chissà se queste macchine che parlano per noi ci riavvicinano o ci allontanano quando sembra di sfiorarsi e invece in mezzo restano dei ponti levatoi che non si abbassano mai.

Io non sono di qui io son di passaggio io sono in mezzo al mio viaggio sono io che ti invio un messaggio da maggio io vengo e vado dietro a un miraggio di un domani che inganna da lontano e porta me lontano da domani e che mi stringe a sé in questo tempo avvolto chi c'è oltre me chi c'è in ascolto.

Io che mi muovo qui io oltre frontiera io solo in zona straniera sono io fermo alla tastiera ogni sera schermo di vita vera o chimera di essere laggiù là dove non mi trovo e non so più come trovare dove adesso vivi tu che forse sei in ascolto. Io che parlo da qui io passo attraverso un blu sconosciuto e diverso io non so più se vado verso o all'inverso torno; se è un sogno o è l'universo che un insieme è di mille e mille soli e gli altri e me che siamo soli insieme per questo chiamo te da un mondo capovolto.

Chi c'è oltre me chi c'è in ascolto chi c'è con me chi c'è chi c'è in ascolto. Non smettere di trasmettere. Claudio Baglioni Classica canzone d'amore. Niente di più. Eppure, non lo era anche il biblico Cantico dei Cantici?! Accoccolati ad ascoltare il mare quanto tempo siamo stati senza fiatare seguire il tuo profilo con un dito mentre il vento accarezzava piano il tuo vestito e tu fatta di sguardi tu e di sorrisi ingenui tu ed io a piedi nudi io sfioravo i tuoi capelli io e fermarci a giocare con una formica e poi chiudere gli occhi non pensare piu' senti freddo anche tu senti freddo anche tu e nascoste nell'ombra della smetterà di bere uno di questi giorni la canzone poche stelle ed un brivido improvviso sulla tua pelle poi correre felici a perdifiato fare a gara per vedere chi resta indietro e tu in un sospiro tu in ogni mio pensiero tu ed io restavo zitto io per non sciupare tutto io e baciarti le labbra con un filo d'erba e smetterà di bere uno di questi giorni la canzone piu' bella coi capelli in su' e mi piaci di piu' e mi piaci di piu' forse sei l'amore Gesù, caro fratello Claudio Baglioni Splendida, esplicita preghiera, che il romanesco rende ancora più viva.

Gesu' caro fratello venduto pe' ricordino vicino ar Colosseo o de' fianco ar Presidente cor vestito de' jeans cor fucilev o cor nome tuo pe' ammazza' la gente Gesu' caro fratello mio che t'hanno fatto t'hanno sbattuto addosso a 'na croce e poi dimenticato e tu eri certo troppo bono Gesu' caro fratello ritrovato restace accanto pe' sempre e cantamo 'nsieme - cantamo 'nsieme la gioia d'esse vivi e cantamo le tue immense parole ama er prossimo tuo come te stesso Baglioni qui dice: "Non c'è più tempo Ma che fine avete fatto?

Mi sento troppo solo adesso perche' voi non ci siete adesso che cosa mi e' successo alzarmi piu' non posso no Dio che ho? Un nuovo giorno o un giorno nuovo Claudio Baglioni "Ci sarà un nuovo cielo e una nuova terra A questo ci penserà Dio. Bentornato a questo sole nelle camere di tutto il mondo quando allaga letti e cuori che si girano per un secondo. Uno specchio che si invecchia mentre raschiano i sogni e il mento a ricominciar le strade e li coglie di fianco il vento.

E spalle strette vanno nelle vie echi di luce come di candela camicie silenziose nel mattino che si spacca in due come una mela. Smetterà di bere uno di questi giorni la canzone di donne pigre s'aggiustano le calze e baciano rossetti s'affrettano alla vita inseguite da un mare di capelli e di tetti. E tutti amore a dare indietro ieri per un altro cuore e un mucchi di pensieri.

E tutti in fila verso il vento del duemila e noi al centro di un frammento della vita. Sotto questo cielo muto una scena ferma che riprende e si affaccia alle finestre mentre tirano sospiri e tende. E la gente si alza insieme come quando c'e' un gol allo stadio e si accendono rumori e notizie fresche della radio. Quando gli smetterà di bere uno di questi giorni la canzone correndo stringono le giacche ed i polmoni ognuno e la sua storia in macchine di latta che si inseguono a milioni.

E le ragazze dei tram che scrivono messaggi dentro le bottiglie e in fondo ad un diario e sognano appese ai desideri e alle smetterà di bere uno di questi giorni la canzone e tutti quanti a risalir dal fondo e andare avanti come se iniziasse il mondo. E tutti accanto e ognuno un po' dassolo a dire quando si potra' partire in volo. E i ragazzi in giacche colorate ai gusti misti ribelli smetterà di bere uno di questi giorni la canzone un po' svogliati vanno in classe come si entra dai dentisti.

Gli innamorati pazzi che vivono il piu' bello degli amori gli occhi traboccanti cantano piu' forte dei motori. E tutti ci guardiamo intorno e ci chiediamo se se questo e' un nuovo giorno o un giorno nuovo un giorno nuovo nuovo un giorno nuovo. I vecchi Claudio Baglioni I vecchi, i nuovi poveri.

I nuovi "ultimi". Claudio sa essere affettuoso eppure lontano da ogni sdolcinatura e luogo comune. I vecchi sulle panchine dei smetterà di bere uno di questi giorni la canzone succhiano fili d'aria e un vento di ricordi il segno del cappello sulle teste da pulcini i vecchi mezzi ciechi i vecchi mezzi sordi.

Mal d'universo Claudio Baglioni Che cos'è l'uomo che tu, Signore, ti ricordi di lui? Salmo 8 A smetterà di bere uno di questi giorni la canzone tratto il vuoto e tutto fu ignoto lago remoto e immoto dentro me fiore di loto e dell'oblio cosa c'è in questo se non io.

STRADA FACENDO Claudio Baglioni Camminando s'apre il cammino Io ed i miei occhi scuri siamo diventati grandi insieme con l'anima smaniosa a chiedere di un posto che non c'è tra mille mattini freschi di biciclette mille e più tramonti dietro i fili del tram ed una fame di sorrisi e smetterà di bere uno di questi giorni la canzone intorno a me. Io e i miei cassetti di ricordi e di indirizzi che ho perduto ho visto visi e voci di chi ho amato prima o poi andar via e ho respirato un mare sconosciuto nelle ore larghe e vuote di un'estate di città Io e le mie tante sere chiuse come chiudere un ombrello col viso sopra al petto a leggermi i dolori ed i miei guai ho camminato quelle vie che curvano seguendo il vento e dentro a un senso di inutilità Strada facendo vedrai che non sei più da solo strada facendo troverai un gancio in mezzo al cielo e sentirai la strada far battere il tuo cuore vedrai più amore vedrai.

Io troppo piccolo tra tutta questa gente che c'è al mondo io che ho sognato sopra un treno che non è partito mai e ho corso in mezzo ai prati bianchi di luna per strappare ancora un giorno alla mia ingenuità Strada facendo vedrai che non sei più da solo strada facendo troverai anche tu un gancio in mezzo al cielo e sentirai la strada far battere il tuo cuore vedrai più amore vedrai.

E una canzone neanche questa potrà mai cambiar la vita ma che cos'è che ci fa andare avanti e dire che non è finita cos'è che ci spezza il cuore tra canzoni e amore che ci fa cantare e amare sempre più perchè domani sia migliore, perche' domani tu strada facendo vedrai. Il ricorso al romanesco rende questa canzone credibile anche sulle sue labbra Ninna nanna nanna ninna er pupetto vo' la zinna fa' la ninna dormi pija sonno che si dormi nun vedrai tant'infamie e tanti guai che succedono ner monno tra le bombe e li fucili per i popoli che so' civili.

Ninna nanna tu non senti li sospiri e li lamenti de la pora gente che se scanna che se scanna e che s'ammazza a vantaggio della razza de la gente che se scanna per un matto che comanna e a vantaggio pure d'una fede per un Dio smetterà di bere uno di questi giorni la canzone nun se vede. Ma che serve da riparo ar re macellaro che sa bene che la guerra e' un gran giro de quattrini che prepara le risorse pe' li ladri delle borse.

Ninna nanna ninna nanna ninna nanna ninna nanna ninna nanna ninna nanna ninna nanna ninna nanna. Fa' la ninna fa' la nanna fa' la ninna che domani rivedremo ancora li sovrani che se scambiano la stima boni amichi smetterà di bere uno di questi giorni la canzone prima so' cugini e fra parenti nun se fanno i complimenti torneranno proprio tutti uguali li rapporti personali.

E senza l'ombra d'un rimorso sai che ber discorso ce faranno tutti insieme su la pace e sul lavoro pe' quer popolo cojone risparmiato dar cannone.