Dire una preghiera che il marito non ha bevuto

DRAMMA MICHELLE HUNZIKER: “NON RIESCO PIÙ AD AVERE FIGLI PERCHÉ....”

Come liberarsi da dipendenza alcolica più

Il divano letto è aperto, le luci soffuse; si sentono delle risa fuoricampo:. ANNA: ridendo amore cado cado cado!! ANNA: posso scendere se vuoi! ANNA: dai qua. Giorgio è vestito con un completo da cerimonia, Anna con un vestito da sposa. ANNA: adesso…proprio sempre sempre…. ANNA: tutta nostra, ma ti rendi conto!

ANNA: possiamo stare insieme da soli, per quanto vogliamo…. ANNA: eh dai,solo un attimo. ANNA: pronto? Basta, spengo tutto spegne il cellulare. ANNA: scusa tesoro, ma non riesco dire una preghiera che il marito non ha bevuto far finta di nulla mentre suona la musica di profondo rosso!

ANNA:no, aspetta, magari non sta bene. ANNA: hai fame nini? ANNA: altrimenti? Tua mamma dire una preghiera che il marito non ha bevuto qui? ANNA: e la tua come si permette di chiamare? ANNA: sai che bella differenza!

ANNA: scusa tesoro, ho alzato io la voce…ora provo a mandarla via. Anna parla al citofono e Giorgio al telefono contemporaneamente:. ANNA: ciao mamma, siamo molto occupati. ANNA: guarda che disordine! ANNA: perché solo a me? ANNA: e con questo? Cosa significa? ANNA: oddio, oddio! ANNA: già. ANNA: mamma! Giorgio ti prego lascia perdere. ANNA: mamma!! ANNA: mamma?? ANNA: mamma stai esagerando adesso: tra me e Giorgio è tutto perfetto da qualsiasi punto di vista, te lo assicuro.

ANNA: mamma ti fai gli affari tuoi? ANNA: mamma ho buttato io la cravatta in terra e certo che ti rispetta, ma tu non puoi piombare alle 7 di mattina e pretendere che la gente sia già vestita!

ANNA: no mamma, è qualcosa che riguarda il rapporto tra noi e voi. ELSA: ciao nini, come stai? ELSA: ciao Anna, che splendore. ELSA: scusate un attimo, devo dire una parola a mio figlio tira Giorgio avanti sul proscenio, intanto Mariella dice ad Anna:. ELSA: povero figlio mio, hai già la suocera in casa il primo giorno di matrimonio!

ELSA: ma io sono la mamma dello sposo, è diverso! ELSA: oh, tesoro, stavo per pestare la tua cravatta. ANNA: calmati, calmati, fra poco capiranno tutto.

ELSA: io non ero… interrotta da Anna, voleva dire: io non ero intontita per niente. ANNA: ci scusiamo per il matrimonio affrettato. ELSA: e infatti non è il vostro caso, ho detto. ANNA: ma ne ha solo 35! GIORGIO: sentite, il punto è questo: noi due ci amiamo e ci siamo sposati; voi ci avete vagamente fatto intendere che non eravate molto contente, ma noi lo siamo, e molto. Siamo adulti e sappiamo, anzi, vogliamo decidere cosa sia meglio per noi!

ELSA: non sai stirare le camicie al mio nini? ELSA: stiro io le camicie! ANNA: altra gomitata non mi sono spiegata…dobbiamo imparare a vivere insieme, da soli! Anna ferma Giorgio in tempo con una mano e lo trascina sul proscenio:. ANNA: non puoi dire la prima cosa che ti salta per la testa!

La sostanza è che voi non potete piombarci in casa alle 7 del mattino, né telefonarci continuamente, né criticare senza sosta uno di noi! ELSA: Giorgio!! ELSA: io per Giorgio avevo pensato a un matrimonio in grande stile, con una donna che mi ero abituata a conoscere, con una consuocera con cui spettegolare….

Vado io tesoro? ANNA: niente ma. Andiamo a vestirci solo un attimo, poi vi lasciamo sole. Anna e Giorgio vanno in bagno. Anna e Giorgio rientrano vestiti dal bagno, e osservando le due mamme mute a braccia conserte commentano:. ANNA: vedrai…le ritroveremo a bersi un tè come vecchie amiche escono. Le va? ELSA: e sia, almeno proviamoci. ELSA: da Ischia. ELSA: esattamente. E lei? ELSA: ah ecco. ELSA: mi sono dedicata alla casa e ai figli. ELSA: questa è da ricovero ELSA: ottima direi.

ELSA: maccheroni al sugo! ELSA: perché? ELSA: e la sua specialità? ELSA: ah, ho capito! ELSA: al piatto migliore, ci sto. ELSA: bella la cerimonia vero? ELSA: credo che lei si stia riferendo al mio regalo extra per gli sposi, una tradizione dire una preghiera che il marito non ha bevuto famiglia. ELSA: già. ELSA: allora devo aver contato male…mi era sembrato che il cameriere avesse portato 5 bottiglie al suo tavolo.

ELSA: si riferisce ai dodicenni alla sua sinistra o ai miei nipoti sulla destra? San Firmina, protettrice della cucina. ELSA: lei non capisce…la preghiera dà la benedizione alla ricetta! ELSA: non volevo offendere gli sposi…. ELSA: con preoccupazione palesemente dire una preghiera che il marito non ha bevuto oh, accidenti,il suo dire una preghiera che il marito non ha bevuto sta bruciando, deve stare più attenta!

Non mi riferisco a lei ovviamente. Era il figlio della mia vicina e. ELSA: per fortuna che san Firmina stamattina mi ha come consigliato di comprare del peperoncino fresco al mercato! ELSA: mi aiuta nel decidere i minuti di cottura esatti,mi suggerisce nuovi modi in cui servire i piatti. ELSA: cosa? ELSA: lei è suonata quanto sua figlia!! ELSA: mio figlio è un pittore affermato! ELSA: lei non vorrà insinuare che.

Giorgio ha sposato Anna per arrivare ad una sicurezza economica che gli permetta di scarabocchiare nel suo atelier per tutta la vita! ELSA: mio figlio non scarabocchia, dipinge! ELSA: no, ha ragione. ELSA: appunto! ELSA: come osa?? ELSA: mi spiace deluderla, ma il nostro cane non li avrebbe mangiati!